Singing in the rais

Mentre l’uragano Irene spaventa gli Stati Uniti una pioggia di missili cade incessantemente su Tripoli, dove Gheddafi viene declassato da Rais a Moira Orfei. Diversi fulmini cadono anche su Piazza Affari, facendo perdere 4 chili a Berlusconi e l’equilibrio a Bossi, che ci lascia un gomito. Sul bagnato viene male anche la manovra e il governo finisce col tamponare il culo degli italiani, fortunatamente abituati. “È un Paese di merda”, canticchia il premier. Ma sì, cantiamoci sù, cantiamoci sù…

5 settembre 2011

Partenze intelligenti

È arrivata la bella stagione. E con il fiorire del turismo nelle isole tornano a sbocciare le cazzate dei nostri governanti. Berlusconi parte per una breve crociera a Lampedusa, ne rimane soddisfatto ed acquista una villa. Gli sarà utile per il prossimo esilio. Nel frattempo sulla Salerno-Reggio Calabria viene simulato un terremoto, nel tentativo di rimettere a posto le cose. In attesa del miracolo n° 69, buona primavera a tutti.

3 aprile 2011

Umorismo in NATO

Mentre a Fukushima si fa la guerra al reattore numero 4 in Italia si festeggia il 150° dell’Unità Nazionale con una nuova guerra. Che però non è una guerra. È una missione di pace con qualche fuoco artificiale di troppo. Guerra e Pacemakers, la definirebbe Tolstoj se fosse ancora abbastanza vivo da godersi la nostra intelligence impegnata a litigare con Sarkozy. Del resto la posta in palio è enorme: c’è in gioco la spilletta del Trota.

26 marzo 2011

Radio L’onda

Ferrara torna in RAI con una striscia di 5 minuti ed ecco cosa succede dopo averla sniffata: sbarcano migliaia di libici sulle coste italiane, la Lega festeggia i suoi 25 anni (sempre che Renzo Bossi abbia contato giusto), Berlusconi si dà al bendage, un violento terremoto devasta il Giappone e l’ombra di una fuga radioattiva minaccia il nostro ascolto di RadioMaria. Preghiamo.

16 marzo 2011

Cassate

Grazie all’ultima cassata della Cassazione la separazione dei coniugi è giustificata se la suocera è invadente. Questa era la buona notizia. Per il resto, questo secondo post “libico” è dedicato alle tante sfighe degli ultimi giorni: dalle bombe su Brega alle cazzate di Frattini (passando per quelle di Ratzinger). Un post pieno di morti, insomma, allietato solo dalle dimissioni di Bondi.

5 marzo 2011

Amicilibici

Secondo la stampa a Steve Jobs restano poche settimane di vita. Purtroppo per lui coincidono con i discorsi di Frattini e con le ultime considerazioni di Gasparri. Berlusconi teme che il suo amico possa lanciargli contro i missili. Sarebbe comunque un’ipotesi auspicabile per evitare il processo del 6 aprile.

24 febbraio 2011

Natale e quale

Il Natale si avvicina. Berlusconi ottiene la fiducia, la Arcuri si regala Facebook e qualcun altro una vagina nuova. Al Quaeda minaccia attentati e subito dopo viene nominato un italiano all’Ufficio Antifrode dell’Unione Europea. Colaninno spara cazzate, una bomba esplode a Stoccolma e un ordigno viene ritrovato nella Metro di Roma: sarà un capodanno col botto, ma Enzo non ci sarà.

21 dicembre 2010

Porco Mondo

Mora procaccia, Brunetta tromba, Biondi lascia. Tutto il bello dei festini del Pdl, dei test di intelligenza e di un nuovo sud. E poi madri che uccidono figli, bombe che esplodono, papi finti contro papi veri e torture naziste varie. Non ti basta?

2 novembre 2010