Singing in the rais

Scritto il 5 settembre 2011 da giggi


Tripoli, Ribelli in massa verso il centro. Maledetti saldi.

Mustafa Abdel Jalil: «Ora libertà, eguaglianza, fraternità». Sarkozy: «Hey, un momento…»

Obama: «Gheddafi è al punto di non ritorno». Dài, anche lui qui, all’imbarco Tirrenia?

I ribelli prendono il controllo della tv di Stato. Gheddafi costretto a riparare in un Blockbuster.

Il simbolo della battaglia cambia il nome in “Piazza dei Martiri”. In effetti “Piazza Affari” suonava come una presa per il culo.

Catturati i figli del dittatore: PierSeif, PierSaadi e PierMohammad.

La situazione a Tripoli è a una svolta decisiva. Presto sapremo di chi sarà il nuovo culo da leccare.

Domani Berlusconi incontrerà il leader dei Ribelli. Celentano.

«Non ci sarà un posto sicuro per voi», ha detto Gheddafi ai ribelli, citando Marchionne.

Cecchini sparano sui bambini. Non è questo il momento di rompere i coglioni.

Gheddafi è appeso a un filo. O forse qualcuno ha steso la camicia di Formigoni.

I ribelli entrano nel compound di Gheddafi. «Hey, guarda che buffa quell’amazzone coi baffetti!».

Uno scacchista russo: «Gheddafi è ancora a Tripoli». Precisamente in A4-B2-F8-C3.

Gheddafi: «I cittadini ripuliscano la città». Dev’essere nascosto a Napoli.

Un diplomatico: «In una vecchia fattoria c’è Gheddafi». ♬ Ghe-ghe-ddafi. ♪

Jalloud: «Gheddafi scapperà vestito da donna e opporrà resistenza fino alla fine». A borsettate.

Frattini: «Gheddafi voleva trasformare Lampedusa in un inferno». Vi rendete conto? Un libico che pensa di venir qui e di rubarci il lavoro.

Ribelli prendono sobborgo di Salah Dein. Appena in tempo per l’aperitivo.

Tripoli, Trovati 53 corpi in un magazzino. C’è ampia disponibilità.

Berlusconi dimagrito, Gheddafi ricercato. Fratelli di taglia.

Bossi cade dal letto. È un bel miglioramento, rispetto a quando ci pisciava dentro.

A causa dell’incidente non parteciperà alla consueta celebrazione del Cristo degli abissi. Peraltro già ripetutamente evocato.

Anche Putin si distorce una spalla. Cadendo dal lettone.

In Italia senza lavoro più di un milione di under 35. Sarà dura per loro, quando finiranno il liceo.

Indossa una tuta da meccanico e una mascherina da lavoro, poi punta una pistola giocattolo contro i carabinieri e viene ucciso. I militari si giustificano: «Credevamo fosse un meccanico vero».

Università, Una studentessa su due disposta a fare sesso per un bel voto. L’altra lo ha già preso.

Amalfi, Serranda si stacca da un bed & breakfast e uccide un turista. Avanza una colazione.

Svizzera, È legittimo sparare ai gatti. Ma solo se cominciano loro.

Cagliaritana rapita e messa incinta dagli alieni. Sard Trek.

Pizzaiolo morto ai Caraibi, ai genitori consegnate solo le ceneri. «Ci dispiace, quello nuovo è ancora inesperto».

In Russia la prima chiesa cattolica gonfiabile. «Guarda mamma, il chierichetto sta gonfiando il parroco!».

Siria, spezzate le mani a un vignettista.

Siria, spezzate le mani a un vignettista satirico. E pensare che da noi ci sono comici che si rompono i gomiti da soli.

Scoperto un pianeta fatto di diamante. Peccato per la catena da tamarro.

Nasce il premio Pietro Taricone per “Natura, arte, comunicazione e sfiga”.

Prima edizione del premio Pietro Taricone per “Natura, Arte, Comunicazione e un sacco di altre cose che si è perso”.

Fermata la donna con settanta identità. Non era lei.

Fermata una donna con settanta identità. L’esame del DNA ci dirà se è veramente Mastella.

New York si prepara ad evacuare 250mila persone. Non succedeva dai tempi dell’ultimo tour di Zucchero.

L’uragano sta per arrivare a New York. Cresce l’entusiasmo, tra gli amanti del milkshake.

Irene è grande quanto l’Europa. Ed ha il suo stesso potere distruttivo.

Irene tocca la Carolina e la Virginia. È il capolavoro mancante nella filmografia del premier.

Da uragano a tempesta tropicale. A Irene sono bastati 5 minuti con Malgioglio.

Sicurezza Nazionale USA: «Il peggio è passato, ma il pericolo resta». Potrebbe ancora scatenarsi un convegno di repubblicani.

USA, La grande paura è passata. Si può finalmente tornare ai bombardamenti di tutti i giorni.

(Per festeggiare verrà bombardato il Ghana)

Benedetto XVI: L’arte è uno dei canali che possono condurre a Dio. Tuttavia conosco una scorciatoia.

In un bar di San Francisco: Prototipo di iPhone 5 scopre di aver dimenticato a casa un ingegnere Apple.

Bergamo, Coltivava i fagiolini nel cimitero. Ortaggi suoi.

Pugnala un giovane, lo decapita, lo taglia a pezzetti, lo macina, prepara bistecche, crocchette e salami e ci si nutre per una settimana. Mi sembra più pimpante, quest’anno, il programma della Clerici.

Fornai introvabili in Abruzzo. Ma si scava ancora.

Figlia troppo moderna, padre la frusta con un filo elettrico. Il perizoma di lei.

Fucilate contro l’auto di un sacerdote. Ah, è già aperta la stagione?

Pd, Letta lancia Profumo. Su Borghezio, spero.

La figlia è troppo occidentale. La frusta da nord a sud est.

Attacco alla discoteca: un palestinese ferisce 7 persone. «Tu non sai ballare. Nemmeno tu sai ballare. Tu balli di merda…».

Arriva l’hamburger sintetico. «Ma Chiamatemi Ham».

Padova, Scambio di bare ai funerali di due nonnine. Mi manca, mi manca, mi manca…

Secondo uno scienziato britannico non è vero che il caffè rende più svegli. Ma voglio provare lo stesso a versarglielo in faccia mentre dorme.

Misseri scrive un libro su Sarah. Mentre le altre due glielo tengono fermo.

Veronesi lascia l’agenzia per la sicurezza nucleare. Resta il problema di come smaltirlo.

Frontale a Sanremo. Dirige il Maestro Peppe Vessicchio.

Manovra, Bersani: «Il governo passi la mano». Fa fatica persino a farsele con la sua.

Forum di Cernobbio, Passera contro gli evasori. Ecco, diamogli anche gli incentivi.

54 bambini intossicati in una colonia. Ma profumatissimi.

♥ Condividi "Singing in the rais"

  

Commenta per primo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *